Our Blog

Trompe-l’oeil. Scopriamo questo genere pittorico

by MediaJob
TROMPE-L-OEIL CETONA tecnica pittoria mediajob

Il trompe-l’œil (francese [tʀɔ̃pˈlœj], letteralmente “inganna l’occhio”) è un genere pittorico che, attraverso espedienti, induce nell’osservatore l’illusione di stare guardando oggetti reali e tridimensionali, in realtà dipinti su una superficie bidimensionale. Il trompe-l’œil consiste tipicamente nel dipingere un soggetto in modo sufficientemente realistico, da far sparire alla vista la parete su cui è dipinto. Ad esempio, il trompe-l’œil trova il suo campo nella rappresentazione di finestre, porte o atri, per dare l’illusione che lo spazio interno di un ambiente sia più vasto. Se ne hanno esempi già nell’antica Grecia, nella società romana e nelle epoche successive, fino all’arte contemporanea. L’espressione trompe-l’œil pare sia nata nel periodo barocco, sebbene tale genere pittorico sia di gran lunga precedente (si rammentino, ad esempio, opere come la Camera degli Sposi del Mantegna a Mantova, o il finto coro di Santa Maria presso San Satiro a Milano, del Bramante).

 

Definizione

Il trompe-l’œil, espressione proveniente dai termini francesi tromper, cioè ingannare, e l’oeil, cioè l’occhio, è una tecnica pittorica naturalistica, basata sull’uso del chiaroscuro e della prospettiva, che riproduce la realtà in modo tale da sembrare agli occhi dello spettatore illusione del reale. Essa crea un’ambiguità tra il piano pittorico e quello dell’osservatore, facendo risultare tridimensionale ciò che in realtà è bidimensionale; in questo modo infatti l’osservatore percepisce illusoriamente una realtà inesistente, creata artificialmente attraverso mezzi pittorici. Si basa sostanzialmente sulla creazione di una sorta di scenografia volta ad inglobare in maniera oculata elementi funzionali per arrivare poi a fondersi con l’architettura e nel contempo a superarne i limiti. La perfetta simulazione del mondo fisico dà vita ad un sottile gioco di rimandi tra realtà e illusione percettiva, nella quale l’uomo moderno si perde e perde a sua volta le limitazioni imposte dal mondo fenomenologico.

 

Tecnica pittorica

Dal punto di vista tecnico, il trompe l’oeil richiede un’assoluta conoscenza del disegno, delle regole prospettiche, dell’uso delle ombre e degli effetti di luce, oltre alla perfetta padronanza dell’uso del colore e delle sfumature, tecniche ben precise e rigidamente sottoposte a regole matematiche e geometriche per ottenere l’effetto voluto. Lo studio del punto di vista dell’osservatore rispetto al dipinto è fondamentale. Pertanto, subito dopo avere scelto la superficie su cui operare l’intervento, l’artista dovrà individuare i punti di vista privilegiati, ossia i punti di vista da cui generalmente si osserva quell’area. Per esempio, se si decide di collocare il dipinto sulla parete di una stanza che sta di fronte alla porta di ingresso, si costruirà l’opera pittorica in modo da “ingannare” la percezione visiva di colui che entra nella stanza. Se l’artista desidera creare un’illusione prospettica, dovrà inoltre collocare il punto di fuga dell’immagine pittorica in corrispondenza del punto di vista dell’osservatore. L’illusione ottica è particolarmente efficace se l’osservatore si pone al centro della stanza, in corrispondenza del punto di fuga. È fondamentale, per raggiungere il massimo dell’illusorietà pittorica, tener conto delle reali sorgenti luminose dell’ambiente, la loro natura e la loro direzione, in modo che il soggetto rappresentato appaia come illuminato da quelle luci.

 

Esempi di opere pubblicate sul nostro sito con questa tecnica

Tempio giapponese. Dipinto artista Nanda Rago. Trompe-l'oeil
Opera dell’artista Nanda Rago

Condividi e diffondi l'opera. Se ti piace quello che stai leggendo, che ne dici di ricambiare i miei sforzi, condividendolo con i tuoi amici?

Scrivi un commento

12 + uno =

Accedi
Registrati
Invia messaggio
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com