Our Blog

6192 3

La bellezza dei titoli nelle opere astratte

by Alessandra Bisi

La bellezza dei titoli delle opere astatte

C’è stato un periodo recente in cui alcuni artisti titolavano le proprie opere astratte con ‘Senza titolo’ oppure numerandole.Una specie di legittima e tacita dichiarazione per affermare la non ‘titolabilità di opere che già da secoli si erano staccate dall’intento della rappresentazione. Magnifici astrattisti che rivendicavano che la pittura astratta è se stessa.Che il suo essere bellezza è la composizione e ciò che con la percezione di essa crea in tutti coloro che la guardano.Sia essa concettuale con il fare scaturire anche sensazioni precise attraverso una leggibilità puramente visiva oppure spettacolare con risvolti psicologici. Altri artisti di pittura astratta donano un filo di lettura attraverso bellissimi titoli che quando sono autenticamente giunti dall’impulso mentale che ha avuto la progettazione,diventano poetici e seduttivi per chi ha il piacere e il gusto di amare questa pittura.

Questi impulsi di lettura libera sono veri e propri codici e continuano con la gioia di noi pittori ad essere il primo passo verso il cogliere cose che se non espresse con il linguaggio pittorico non potrebbero concretizzarsi su un supporto dipinto.

Quando scrivo un titolo alle mie opere apro al pubblico la mia intima composizione

Vi amo collezionisti

Alessandra

Condividi e diffondi l'opera. Se ti piace quello che stai leggendo, che ne dici di ricambiare i miei sforzi, condividendolo con i tuoi amici?

3 commenti su “La bellezza dei titoli nelle opere astratte”

  1. MediaJob Rispondi    Maggio 2, 2017

    Bellissimo articolo Alessandra complimenti

  2. Luciana Ruoppolo Rispondi    Giugno 10, 2017

    condivido in pieno.Brava.

  3. MediaJob Rispondi    Giugno 11, 2017

    Hai ragione Luciana, articolo completo e ben fatto.

Scrivi un commento

Accedi
Registrati
Invia messaggio